PREMIO ROBERTO COCCO PER LA SICUREZZA E L'EDUCAZIONE STRADALE

CERIMONIA DI PREMIAZIONE EDIZIONE ANNO SCOLASTICO 2005-2006

 

"CIOCIARIA OGGI" - Sabato 27 maggio 2006 - pag.4

IL PREMIO IN MEMORIA DI ROBERTO COCCO

di Marco Ceccarelli

E' stata effettuata ieri mattina alle 11, presso la sala convegni della Villa Comunale del capoluogo, la cerimonia di premiazione del "Premio Roberto Cocco per la sicurezza e l'educazione stradale".

Il concorso prevedeva la ricerca di luoghi (nei comuni di Frosinone, Ceccano, Supino, Ferentino, Alatri, Veroli e Torrice) che non offrono sufficiente sicurezza nella circolazione, con particolare riguardo per i cosiddetti utenti deboli (pedoni, ciclisti e motociclisti) e l'individuazione di soluzioni migliorative.

Come premi sono previsti corsi completi per la patente B, caschi per moto, buoni libro, abbonamenti al cinema e CD musicali, grazie alla sponsorizzazione dell'autoscuola Bufalini, del concessionario Piaggio Archilletti e del cinema-teatro Multisala Nestor. La manifestazione Ŕ stata impreziosita dalla presenza della professoressa Giuseppa Cassaniti Mastrojeni, Presidente Nazionale dell'AIFVS-onlus (Associazione italiana familiari e vittime della strada).

I lavori presentati sono esposti, sempre nella Villa Comunale, giÓ dal 22 maggio scorso e rimarranno fino al 28 maggio prossimo con orario dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20.

La commissione esaminatrice, che ha deciso chi decretare vincitore, Ŕ composta dal presidente del comitato organizzatore Pietro D'Agostini, dalla consigliera comunale Gerardina Morelli in rappresentanza della Giunta comunale di Frosinone, da Claudia D'Emilia in rappresentanza dell'Amministrazione provinciale di Frosinone, dall'ispettore Paolo Macciomei in rappresentanza della polizia stradale di Frosinone, da Roberto Picciotto in rappresentanza della Consulta provinciale degli studenti e da Andrea De Bonis, membro del comitato organizzatore.

Ad organizzare il premio, come sempre, Ŕ stato Franco Cocco, presidente provinciale di Frosinone dell'AIFVS-onlus e padre di Roberto Cocco, il giovane che perse la vita proprio a causa di un incidente stradale sulla Monti Lepini il 20 febbraio del 2004. A presiedere la manifestazione, invece, Ŕ stato Claudio Martino, zio di Roberto e fondatore del giornale "Doubleface". Presenti, tra gli altri, l'onorevole Gianfranco Schietroma e l'assessore comunale Danilo Giaccari.

I progetti senza apparato tecnico risultati vincitori sono stati per primo quello del IV B dell'ITG "Brunelleschi" e per secondo del liceo scientifico "Severi". Di quelli presentati con apparato tecnico, invece, primi ex aequo sono stati la classe V E del "Severi" ed il IV B del "Brunelleschi". Al secondo posto, sempre ex aequo, invece, si sono classificati il III I dell'IPSIA "Galilei" ed il IV B del liceo scientifico "Severi". Questo per quanto riguarda le scuole medie superiori.

Riguardo alle scuole medie inferiori, invece, per i progetti senza apparato tecnico si Ŕ classificata al primo posto la scuola media "Aldo Moro". Per i progetti con apparato tecnico, infine, a classificarsi prima Ŕ stata la classe II F della media "Aldo Moro".

 

 

"LA PROVINCIA" - Sabato 27 maggio 2006 - pag.12

Consegnati ieri mattina i premi del concorso Roberto Cocco

GLI STUDENTI E LA SICUREZZA STRADALE

L'iniziativa alla sua seconda edizione vuole sensibilizzare l'opinione pubblica

Tra i primi classificati gli alunni dei Geometri, il Liceo Scientifico, l'IPIA e la media Aldo Moro

 

Grande partecipazione, ieri mattina, nella Villa Comunale di Frosinone, alla cerimonia di consegna dei premi del concorso Roberto Cocco per l'educazione stradale.

L'iniziativa, quest'anno alla seconda edizione, ha come scopo di aumentare l'attenzione dell'opinione pubblica e dei giovani in particolare ai problemi della sicurezza stradale.

I giovani concorrenti sono stati chiamati ad individuare concrete situazioni di pericolo, nelle strade del capoluogo o di comuni limitrofi, e ad indicare possibili soluzioni migliorative.

I gruppi partecipanti sono stati ben ventidue, delle scuole superiori ed inferiori. Premi in palio: corsi per patente B, caschi per motorino, buoni libro ed ingressi al cinema.

Tra le personalitÓ intervenute, la professoressa Giuseppa Cassaniti Mastrojeni, presidente nazionale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus, il deputato Gianfranco Schietroma, la consigliera comunale Gerardina Morelli e l'assessore Danilo Giaccari, che ha portato i saluti del sindaco Marzi.

I lavori presentati sono stati giudicati tutti interessanti, anche se alcuni non hanno centrato pienamente il "tema" del concorso, svolgendo una denuncia generica della mancata sicurezza, in primis dei pedoni, senza entrare nei dettagli quanto alle soluzioni.

Tra i primi classificati, l'Istituto tecnico per geometri, il Liceo Scientifico, l'I.P.I.A. e la scuola media "Aldo Moro".

E' possibile vedere tutti gli elaborati, sia su carta, sia su CD, sempre all'interno della Villa Comunale, fino a domani sera.

 

 

 

 

 

 

La prof.ssa Giuseppa Cassaniti Mastrojeni, presidente nazionale, e Franco Cocco, presidente provinciale di Frosinone, dell'AIFVS-onlus

 

 

 

 

 

Claudio Martino, del comitato organizzatore del Premio

 

Da sinistra: Claudio Martino, il deputato Gianfranco Schietroma e la prof.ssa Cassaniti

 

 

 

 

 

 

L'assessore alla Comunicazione e S.S. Monti Lepini del Comune di Frosinone Danilo Giaccari porta i saluti del sindaco di Frosinone

 

 

 

 

Il giovinotto con i capelli lunghi e la macchina fotografica in mano Ŕ Marco Ceccarelli, redattore di "Ciociaria Oggi".

 

 

 

 

 

Gli unici due adulti ritratti nella foto sono i professori Francesco Raffa e Fausta Dumano, dell'Istituto tecnico per geometri "Brunelleschi", entusiasti sostenitori del Premio

 

Il signor Bufalini (di spalle), dell'autoscuola omonima, consegna ad un vincitore il premio, consistente in un corso per il conseguimento della patente B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella foto, immediatamente dietro l'assessore Giaccari (riconoscibile dalla cravatta rossa), l'avvocato Francesco Abbate (con barba ed occhiali), fino all'anno scorso presidente provinciale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada

Il signor Massimo Annibali, presidente dell'MSP di Frosinone